• Alessandro Pawlowski

    La ricerca interiore mi aiuta a conoscermi e a conoscere l’altro. La forza delle montagne sono la mi

  • Elisabeth Baumman

    La natura è la mia guida, più l’ascolto più percepisco l’equilibrio interiore.

  • Filosofia

    Il nostro approccio si orienta all’ equilibrio individuale della persona.

un tocco professionale che ti aiuta a ritrovare le tue energie, mettendo al centro la persona in modo integrale.

Abbiamo diversi metodi come il Reiki, massaggi Ayurvedici, consulenza alimentare / di stile di vita, psicologia Ayurvedica, manipolazioni articolari...

le nostre offerte

Contatto

Potete contattarci via e-mail o telefonicamente, c'è la segreteria telefonica, p.f. lasciare un messaggio. Oppure compilate il formulario e inviatecelo. Prenderemo contatto con voi al più presto.

Centro-namaste

  • tel. casa: 0041 091 946 30 81

Alessandro Pawlowski

  • 0041 079 547 56 66
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Elisabeth Baumann

  • 0041 077 252 66 17
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indirizzo

Centro-namaste

Elisabeth e Alessandro Pawlowski-Baumann
Soresina 28
CH-6802 Rivera

Centro-namaste > Link Google Maps

Prezzi

Per i trattamenti Reiki e trattamenti e terapie Ayurveda siamo riconosciuti dalle casse malati.

Riconosciuti dalle casse malati EMR (Erfahrungsmedizinisches Register) e ASCA.

  • Ayurveda e Reiki (riconosciuti dalle casse malati): massaggi, trattamenti, terapie e consulenze.
    All'ora CHF 90.-

  • Massaggi sportivi, manipolazioni, vitalogia, massaggio linfatico (non riconosciuti dalle casse malati).
    Alla seduta CHF 70.-

Per le terapie Ayurveda alla prima visita viene eseguita un’anamnesi. Lista dei prezzi valido dal 1.07.2011.

Nel caso di un imprevisto  si prega di avvisare  24 ore prima, altrimenti verrà fatturato il tempo riservato per Lei.

 
  • Come giungere al centro

    Come giungere al centro

    Automobile: all'uscita autostradale di Rivera proseguire verso il paese, svoltare a destra seguendo la direzione Soresina-Centro TCS. Seguire la strada fino alla chiesa principale di Rivera, in seguito svoltare a destra e dopo 300mt arrivo al posteggio comunale (sulla sinistra). Dal posteggio a 30mt sulla destra si trova il Centro Namaste, scritta “NAMASTE” visibile dalla strada.

    Mezzi pubblici: Si arriva con il treno regionale (S10) da Lugano o da Bellinzona fino alla fermata di Rivera-Bironico. Poi a piedi seguire la strada come indicato nella cartina qui sotto.

 

Le rune: antica divinazione celtica. Il dono di Odino il signore del cielo e della terra, Dio della.

  • Eihwaz

    dal 28 dicembre al 12 gennaio

    Eihwaz rappresentata dall’ albero del tasso ci mette in contatto innanzi tutto con il concetto della forza, resistenza e della difesa. Il tasso simbolo della vita ha capacità di trasformare le avversità in qualcosa di positivo e di trovare sempre nuovi soluzioni. Con il legno duro e resistente posso costruire un arco così la difficoltà diventa uno strumento e la difficoltà una opportunità. Posso lamentarmi dei problemi oppure posso rimboccarmi le maniche e costruirmi un fantastico arco, in modo che le mie energie sono sempre al centro e direzionato verso nuovi progetti. Sta a me scegliere cosa fare della mia vita, come vivere le cose che accadono.

    Oracolo

    Il duro Inverno non 
è ancora finito.

    Metti l…

    01 - Eihwaz dal 28 dicembre al 12 gennaio

    01 - Eihwaz dal 28 dicembre al 12 gennaio

    Eihwaz

    dal 28 dicembre al 12 gennaio

    Eihwaz rappresentata dall’ albero del tasso ci mette in contatto innanzi tutto con il concetto della forza, resistenza e della difesa. Il tasso simbolo della vita ha capacità di trasformare le avversità in qualcosa di positivo e di trovare sempre nuovi soluzioni. Con il legno duro e resistente posso costruire un arco così la difficoltà diventa uno strumento e la difficoltà una opportunità. Posso lamentarmi dei problemi oppure posso rimboccarmi le maniche e costruirmi un fantastico arco, in modo che le mie energie sono sempre al centro e direzionato verso nuovi progetti. Sta a me scegliere cosa fare della mia vita, come vivere le cose che accadono.

    Oracolo

    Il duro Inverno non 
è ancora finito.

    Metti legna sul fuoco e tieni calda la casa.

    Se fuori c'è bufera e il vento ulula,
 Racconta fiabe ai 
bambini.

    E rassicurandoli vinci la tua paura.

    Se temi il lupo e l'orso,
Ricorda che ciò che ti scalda

    È la loro 
pelliccia.
E ciò che ti sazia
È il grano dell'estate.

    E ciò che ti inebria
È il vino dell'autunno.

    Passato e presente,
Bene e Male,
 Farmaco e Veleno

    Sono ora 
Una cosa sola.

    

Parole chiave

    
resistenza, inizio, cambiamento, coscienza, 
difesa, spiritualità, pazienza, perseveranza, costanza, tolleranza, rafforzamento, affidabilità, rinascita.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Perth

    dal 13 gennaio al 27 gennaio

    Perth ci indica che il seme è rimasto nel terreno a sufficienza e ora sta preparandosi a uscire dalla terra per ricevere la luce del sole.

    Perth è un mistero intimo e interiore, di autogenerazione, è un luogo interiore di discesa nelle profondità dell’essere, una grotta in cui rinchiudersi per riemergere ristorati dopo il letargo invernale. Perth è rimettere insieme i pezzi del passato in un modo nuovo. Perth è un chiaro segnale di rigenerazione, da tutti i punti di vista, fisico, mentale e spirituale.

    Annuncia un periodo in cui sentiamo che molte cose dentro di noi stanno cambiando, che giorno dopo giorno stiamo crescendo a una nuova consapevolezza, dobbiamo solo avere pazienza, attendere che il proce…

    02 - Perth dal 13 gennaio al 27 gennaio

    02 - Perth dal 13 gennaio al 27 gennaio

    Perth

    dal 13 gennaio al 27 gennaio

    Perth ci indica che il seme è rimasto nel terreno a sufficienza e ora sta preparandosi a uscire dalla terra per ricevere la luce del sole.

    Perth è un mistero intimo e interiore, di autogenerazione, è un luogo interiore di discesa nelle profondità dell’essere, una grotta in cui rinchiudersi per riemergere ristorati dopo il letargo invernale. Perth è rimettere insieme i pezzi del passato in un modo nuovo. Perth è un chiaro segnale di rigenerazione, da tutti i punti di vista, fisico, mentale e spirituale.

    Annuncia un periodo in cui sentiamo che molte cose dentro di noi stanno cambiando, che giorno dopo giorno stiamo crescendo a una nuova consapevolezza, dobbiamo solo avere pazienza, attendere che il processo si compia e presto ci sentiremo completamente rinnovati, a nostro agio, sereni e forti, calmi e consapevoli, fortificati dal cammino compiuto fin qui.

    L’antico poema runico ci ricorda anche a un altro importante significato di Perth, il gioco, la leggerezza il riso.

    Oracolo

    Durante il torneo o la battaglia
    I più fidi alleati sono Armatura e Spada
    Ma nulla vale l’arte della tempra
    Contro la sorte avversa o il fato ostile
    Neppure il fabbro degli dei
    Può forgiare arma che gli resista.
    Cadi dentro te stesso
    Precipita nel gorgo oscuro
    Del pozzo dei tuoi pensieri
    Li troverai la risposta
    A ogni perchè.

    Parole chiave

    Gioco, divertimento, destino, successo, fortuna, nascita/rinascita, memoria, soluzione dei problemi.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Algiz

    28 Gennaio / 12 Febbraio

    Con Algiz ci viene richiesto di relazionarci in modo nuovo con la dimensione del sacro.

    Ci viene richiesto soprattutto di celebrare, di ringraziare, di offrire in sacrificio, di pregare per i doni ricevuti.

    Con Algiz noi facciamo della nostra esistenza un tempio e del nostro corpo un altare attraverso cui festeggiare il dono della vita.

    Algiz è una runa che può difenderci da ogni nemico, se solo riusciamo a creare intorno a noi uno spazio sacro, un tempio, un recinto all’interno del quale sia presente la divinità.

    Algiz è l’altare, il bosco sacro, il santuario sulla montagna, il tempio, il monastero, è lo spazio sacro che prima di tutto è dentro di me.

    Algiz siamo noi stessi ogni volta che decidiamo di …

    03 - Algiz dal 28 gennaio al 12 febbraio

    03 - Algiz dal 28 gennaio al 12 febbraio

    Algiz

    28 Gennaio / 12 Febbraio

    Con Algiz ci viene richiesto di relazionarci in modo nuovo con la dimensione del sacro.

    Ci viene richiesto soprattutto di celebrare, di ringraziare, di offrire in sacrificio, di pregare per i doni ricevuti.

    Con Algiz noi facciamo della nostra esistenza un tempio e del nostro corpo un altare attraverso cui festeggiare il dono della vita.

    Algiz è una runa che può difenderci da ogni nemico, se solo riusciamo a creare intorno a noi uno spazio sacro, un tempio, un recinto all’interno del quale sia presente la divinità.

    Algiz è l’altare, il bosco sacro, il santuario sulla montagna, il tempio, il monastero, è lo spazio sacro che prima di tutto è dentro di me.

    Algiz siamo noi stessi ogni volta che decidiamo di sottoporre alle rune una domanda, una richiesta, sappiamo che dobbiamo essere disposti a sacrificare una parte di noi, quella che non vorrebbe sapere la verità, quella che non vuol mettersi in gioco, che non vuole crescere, cambiare, lasciar andare.

    Ma se no c’è sacrificio non c’è salvezza.

    Oracolo

    Ecco ritorna la dolce Primavera,
    Si sciolgono le nevi e fanno capolino i primi fiori.
    Le fanciulle danzano e si ornano i capelli
    Quale letizia si respira nell’aria !
    Come dopo lunga e tormentosa sete,
    Un sorso di idromele !

    Parole chiave

    Protezione, difesa, scudo, supporto.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Sowelu

    Dal 12 febbraio al 26 febbraio

    Sowelu ci fa subito pensare al lampo infatti Sowelu rappresenta l’energia- il Potere. Sowelu  rappresenta l’ambivalenza dell’energia che può essere buona come quella del sole o violenta come un esplosione. Tutti noi siamo portatori di questa energia, dobbiamo prendere coscienza del nostro potere e scegliere quali fini raggiungere con essa, siano essi buoni o cattivi. Sfruttando questa energia siamo in gradi di portare il nostro inconscio all’autorealizzazione e alla completezza tra le forze femminili e maschili o tra il ying e yang.

    Oracolo

    Il giorno più nero
    Sarebbe ancora più oscuro
    Senza il lucente astro del sole.
    Il giono più freddo
    Sarebbe ancora più freddo.
    Ringraziamo per i doni di Siegel, Carro…

    04 - Sowelu dal 12 febbraio al 26 febbraio

    04 - Sowelu dal 12 febbraio al 26 febbraio

    Sowelu

    Dal 12 febbraio al 26 febbraio

    Sowelu ci fa subito pensare al lampo infatti Sowelu rappresenta l’energia- il Potere. Sowelu  rappresenta l’ambivalenza dell’energia che può essere buona come quella del sole o violenta come un esplosione. Tutti noi siamo portatori di questa energia, dobbiamo prendere coscienza del nostro potere e scegliere quali fini raggiungere con essa, siano essi buoni o cattivi. Sfruttando questa energia siamo in gradi di portare il nostro inconscio all’autorealizzazione e alla completezza tra le forze femminili e maschili o tra il ying e yang.

    Oracolo

    Il giorno più nero
    Sarebbe ancora più oscuro
    Senza il lucente astro del sole.
    Il giono più freddo
    Sarebbe ancora più freddo.
    Ringraziamo per i doni di Siegel, Carro di Fuoco,
    E come nella notte tempestosa
    Il fulmine squarcia il silenzio e il buio,
    Così il potere dell’uomo retto
    Possa dare conforto agli oppressi
    E indicare ai viandanti smarriti
    Un riparo sicuro.

    Parole chiave

    Buona salute, successo, forza vitale, energia, chiarezza, comprensione, ottimismo, fiducia.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Teiwaz

    Dal 27 febbraio al 13 marzo

    Teiwaz ci ricorda che possiamo impadronirci della spada di Excalibur, la Spada del Re, che solo chi è puro di cuore può estrarre la spada dalla roccia.

    Ci ricorda inoltre che il potere comporta responsabilità. Teiwaz è pure la punta diritta verso il cielo, il Cammino di Crescita Spirituale.

    Teiwaz rappresenta i concetti di onore, verità, giustizia, autorità e responsabilità. È una Runa di grande potere.

    La nostra vita, il nostro corpo, la nostra anima, le nostre relazioni, tutto questo è il nostro regno, noi siamo i sovrani e sta a noi regnare con saggezza e giustizia.

    Teiwaz è una potente forza maschile che rende coraggiosi, intrepidi, rafforza il potere personale e permette di conquistare tutto ciò…

    05 - Teiwaz dal 27 febbraio al 13 marzo

    05 - Teiwaz dal 27 febbraio al 13 marzo

    Teiwaz

    Dal 27 febbraio al 13 marzo

    Teiwaz ci ricorda che possiamo impadronirci della spada di Excalibur, la Spada del Re, che solo chi è puro di cuore può estrarre la spada dalla roccia.

    Ci ricorda inoltre che il potere comporta responsabilità. Teiwaz è pure la punta diritta verso il cielo, il Cammino di Crescita Spirituale.

    Teiwaz rappresenta i concetti di onore, verità, giustizia, autorità e responsabilità. È una Runa di grande potere.

    La nostra vita, il nostro corpo, la nostra anima, le nostre relazioni, tutto questo è il nostro regno, noi siamo i sovrani e sta a noi regnare con saggezza e giustizia.

    Teiwaz è una potente forza maschile che rende coraggiosi, intrepidi, rafforza il potere personale e permette di conquistare tutto ciò che si desidera,innanzitutto se stessi.

    Oracolo

    Esulta, giovane Eroe, intona il canto di Vittoria
    Grandi imprese oggi si sono compiute
    Le gesta dei nobili e dei grandi
    Risuonano già nel Valhalla, il Palazzo degli Dei.
    Quando si conquista il proprio cuore
    Nulla più si può perdere.

    Parole chiave

    Legge, ordine, onore, giustizia, valore, onestà, vittoria, responsabilità.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Berkana

    dal 14 al 29 marzo

    La runa Berkana rappresenta l’intelligenza cosmica e la coscienza della terra. L’anima della forza della natura, in primavera la terra si copre nuovamente con fiori, le piante crescono ci riportano la speranza, il calore, la vita un nuovo ciclo della natura. Un ottimo momento per realizzare un progetto, un desiderio, un ideale  o per fare i primi passi per concretizzare un sogno. Senza Berkana il mondo sarebbe freddo e morto, vivremmo in un mondo con i venti gelidi di un inverno eterno. Con Berkana riaquisitiamo la nostra anima, abbiamo bevuto dal Graal, il Calderone della rinascita e ci siamo rigenerati.  Abbiamo ritrovato la spada, Exalibur e nel nostro regno è tornata la Primavera e la prosperità.

    Oracolo

    G…

    06 - Berkana dal 14 marzo al 29 marzo

    06 - Berkana dal 14 marzo al 29 marzo

    Berkana

    dal 14 al 29 marzo

    La runa Berkana rappresenta l’intelligenza cosmica e la coscienza della terra. L’anima della forza della natura, in primavera la terra si copre nuovamente con fiori, le piante crescono ci riportano la speranza, il calore, la vita un nuovo ciclo della natura. Un ottimo momento per realizzare un progetto, un desiderio, un ideale  o per fare i primi passi per concretizzare un sogno. Senza Berkana il mondo sarebbe freddo e morto, vivremmo in un mondo con i venti gelidi di un inverno eterno. Con Berkana riaquisitiamo la nostra anima, abbiamo bevuto dal Graal, il Calderone della rinascita e ci siamo rigenerati.  Abbiamo ritrovato la spada, Exalibur e nel nostro regno è tornata la Primavera e la prosperità.

    Oracolo

    Guarda la dolce curva del ventre di una donna
    Quando trepida attende il primogenito.
    Ascolta il canto della Primavera.
    Che scioglie il ghiaccio del ruscello.
    Contempla il presagio di nuove imprese
    Avvolta nel sudario del guerriero.

    Parole chiave

    Fertilità, donna, nascita, crescita, guarigione, recupero, ringiovanimento, nuovi inizi, la realizzazione.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Ehwaz

    dal 30 marzo al 13 aprile

    Ehwaz rappresenta la riunficazione degli opposti ed è legato perciò anche al movimento alla fiducia e al progresso. Un progresso naturale o una cooperazione destinata ad aportare crescita ed evoluzione in cui è necesario di mettersi continuamente in gioco e in discussione. Pensando agli opposti ci si riferisce soppratutto alle forze maschili e femminil come anche all’istinto e intelletto e unendo queste forze avvengono cambiamenti e crescita. Diventiamo sempre più consapevoli e portiamo alla luce i lati finora nascosti e noi finalmente possiamo viaggiare tra terra e cielo consapevoli della forza del bene e del male. Possiamo staccarci  dalle forze d’attrazione inferiori per liberarci verso l’alto verso una …

    07 - Ehwaz dal 30 marzo al 13 aprile

    07 - Ehwaz dal 30 marzo al 13 aprile

    Ehwaz

    dal 30 marzo al 13 aprile

    Ehwaz rappresenta la riunficazione degli opposti ed è legato perciò anche al movimento alla fiducia e al progresso. Un progresso naturale o una cooperazione destinata ad aportare crescita ed evoluzione in cui è necesario di mettersi continuamente in gioco e in discussione. Pensando agli opposti ci si riferisce soppratutto alle forze maschili e femminil come anche all’istinto e intelletto e unendo queste forze avvengono cambiamenti e crescita. Diventiamo sempre più consapevoli e portiamo alla luce i lati finora nascosti e noi finalmente possiamo viaggiare tra terra e cielo consapevoli della forza del bene e del male. Possiamo staccarci  dalle forze d’attrazione inferiori per liberarci verso l’alto verso una crescita continua verso la libertà.

    Oracolo

    Destatevi, orsù, fratelli, amici, compagni,
    È tempo di condurre gli armenti al mercato,
    La Fiera è ricca di giostre, di tornei, di dame e cavalieri,
    E sui nostri trionfanti cavalli
    Torneremo a casa con un buon gruzzolo nelle bisacce.
    E troveremo forse anche una moglie !

    Parole chiave

    Fusione, unione, progressivo miglioramento, stabilità,fiducia, fede, lealtà

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Mannaz

    Dal 14 al 28 di aprile

    Mannaz rappresenta l’uomo cosmico, l’io supremo, la coscienza, l’evoluzione umana. Mannaz ci dice di cancellare i vecchi ricordi errati e di prendere coscienza del nostro vero potere. Qualunque problema che incontriamo nella nostra vita può essere risolto unicamente con un lavoro su noi stessi. Le paure, i valori e le credenze sono elementi soggettivi e presenti dentro di noi, loro governano la nostra vita ed il nostro destino, sono loro che oltre a condizionare i nostri pensieri seguono la legge dell’attrazione, attraendo le situazioni a loro corrispondenti, cioè quelle della loro stessa natura. Possiamo chiamarli ricordi erronei. Sono quelli che ci impediscono di crescere, i nostri scheletri negli armadi. N…

    08 - Mannaz dal 14 aprile al 28 aprile

    08 - Mannaz dal 14 aprile al 28 aprile

    Mannaz

    Dal 14 al 28 di aprile

    Mannaz rappresenta l’uomo cosmico, l’io supremo, la coscienza, l’evoluzione umana. Mannaz ci dice di cancellare i vecchi ricordi errati e di prendere coscienza del nostro vero potere. Qualunque problema che incontriamo nella nostra vita può essere risolto unicamente con un lavoro su noi stessi. Le paure, i valori e le credenze sono elementi soggettivi e presenti dentro di noi, loro governano la nostra vita ed il nostro destino, sono loro che oltre a condizionare i nostri pensieri seguono la legge dell’attrazione, attraendo le situazioni a loro corrispondenti, cioè quelle della loro stessa natura. Possiamo chiamarli ricordi erronei. Sono quelli che ci impediscono di crescere, i nostri scheletri negli armadi. Nella meditazione entriamo nel nostro profondo io, nel vuoto ed è lì che nascono nuove idee e l’energia si libera.

    Gitta Mallaz dice:“ Il nuovo è sempre dentro, mai al di fuori; tutto è in te, non al di fuori” .

    Oracolo

    Al convitto regale terre e titoli
    Abbiamo ricevuto dal nobile sovrano
    E insieme giudici, contabili, notai e avvocati
    Per amministrare con perizia ed equità
    Ma la Giustizia, la Saggezza, la Temperanza e la Fortezza
    Solo Dio ce le può elargire.

    Parole chiave
    Razza umana, sviluppo della coscienza, intelligenza, ragione, struttura sociale, mente razionale, mentalità aperta.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • LAGUZ

    Dal 29 aprile al 13 maggio

    Laguz è runa dell’acqua, dell’intuizione, della sensitività, della telepatia e della chiaroveggenza. È la runa di collegamento con la Coscienza Cosmica, con l’inconscio collettivo, che ci permette di essere intuitivi. Laguz è legata all’elemento acqua, elemento di rigenerazione e purificazione e protagonista dell’origine della vita. Laguz permette lo scorrimento fluido delle emozioni e dei flussi di energia, è intuizione e immaginazione. Laguz è anche la runa dell’inconscio, il luogo ove si nascondono parti che noi non accettiamo di riconoscere, ma non è solo un luogo terrificante, in esso possiamo trovare risorse inaspettate, conoscenza e saggezza.

    L’estrazione di Laguz indica che siamo in contatto con i…

    09 - Languz dal 29 aprile al 13 maggio

    09 - Languz dal 29 aprile al 13 maggio

    LAGUZ

    Dal 29 aprile al 13 maggio

    Laguz è runa dell’acqua, dell’intuizione, della sensitività, della telepatia e della chiaroveggenza. È la runa di collegamento con la Coscienza Cosmica, con l’inconscio collettivo, che ci permette di essere intuitivi. Laguz è legata all’elemento acqua, elemento di rigenerazione e purificazione e protagonista dell’origine della vita. Laguz permette lo scorrimento fluido delle emozioni e dei flussi di energia, è intuizione e immaginazione. Laguz è anche la runa dell’inconscio, il luogo ove si nascondono parti che noi non accettiamo di riconoscere, ma non è solo un luogo terrificante, in esso possiamo trovare risorse inaspettate, conoscenza e saggezza.

    L’estrazione di Laguz indica che siamo in contatto con i nostri sentimenti e le nostre emozioni, che essi rappresentano per noi una fonte di energia e di vita, è la connessione con il cielo, con la dimensione spirituale.

    Ci incoraggia inoltre ad avere fiducia nelle nostre percezioni, nelle nostre sensazioni, nelle nostre visioni e nei nostri sogni.

    Oracolo

    Intelletto, memoria e fantasiaSon del bardo gran virtù
    Anche il druido se ne avvale
    Per incantesimi, pozioni e sacrifici.
    Per navigare tra gli scogli della vita
    Arti magiche occorrono in quantità.
    E se usarle tu saprai,
    ogni cosa otterrai.

    Parole chiave

    Intuizione, occulto, flusso, guarigione, mistero empatia, emozione, inconscio personale e collettivo, sogni

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • INGUZ

    la runa dal 14 maggio fino al 28 maggio

    La gioia, la spensieratezza, il rinnovato entusiasmo

    Con Inguz ci dobbiamo occupare del futuro della famiglia umana da un punto di vista fisico, genetico, di quello che sarà dell’umanità grazie al nostro contributo. I nostri figli, i nostri nipoti, costruiranno il mondo i domani, lo abiteranno, la nostra responsabilità di genitori non si limita a mettere al mondo nuove vite, ma anche e soprattutto a consegnare nelle loro mani un mondo dove sia possibile vivere. L’estrazione di Inguz indica rinascita, rinnovamento, nuovo inizio dopo una fase solitamente difficile e dolorosa.  Ci dice inoltre che è venuto il momento di abbandonare il passato, vecchi comportamenti e credenze possono non trovare …

    10 - Inguz dal 14 maggio al 28 maggio

    10 - Inguz dal 14 maggio al 28 maggio

    INGUZ

    la runa dal 14 maggio fino al 28 maggio

    La gioia, la spensieratezza, il rinnovato entusiasmo

    Con Inguz ci dobbiamo occupare del futuro della famiglia umana da un punto di vista fisico, genetico, di quello che sarà dell’umanità grazie al nostro contributo. I nostri figli, i nostri nipoti, costruiranno il mondo i domani, lo abiteranno, la nostra responsabilità di genitori non si limita a mettere al mondo nuove vite, ma anche e soprattutto a consegnare nelle loro mani un mondo dove sia possibile vivere. L’estrazione di Inguz indica rinascita, rinnovamento, nuovo inizio dopo una fase solitamente difficile e dolorosa.  Ci dice inoltre che è venuto il momento di abbandonare il passato, vecchi comportamenti e credenze possono non trovare posto in questa nuova vita e Inguz ci invita a lasciarceli alle spalle. Inguz porta nuova energia nelle relazioni interpersonali, in particolare nell’ambito della famiglia, dove è particolarmente forte l’influenza di questa Runa. L’estrazione di Inguz ci dice che abbiamo seminato bene e che stiamo raccogliendo i frutti del nostro lavoro. Ci dice che crediamo nella famiglia e nelle istituzioni, che amiamo i nostri genitori e i nostri figli, che amiamo il nostro partner e che siamo leali e fedeli, che crediamo nella intima bontà degli esseri umani e che stiamo davvero facendo qualcosa per il futuro dell’umanità

    Oracolo

    Quanta luce si riflette sul lago
    Danza sulle creste degli alberi
    Scivola tra i fiori nei campi.
    Ecco questa mattina
    Mi sono alzato presto
    Per vedere l’alba.
    Uomini e donne dormono ancora
    E i bambini sognano
    In questo giorno di festa.
    Ma il mio cuore esulta
    E ho voglia di cantare.

    Parole chiave
    Sessualità, agricoltura, pace, abbondanza, bambini, virtù, buonsenso

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Othila

    dal 29 maggio al 13 giugno

    Con Othila entriamo in contatto con il nostro Karma, anzi Othila ci permette di liberarci del vecchio Karma. Entriamo in contatto con le nostre radici con la nostra eredità, quell’eredità di informazioni che passa da generazione a generazione. Ci colleghiamo con tutto quello che hanno vissuto i nostri antenati e non, tutto ciò che ci attraversa nella nostra vita. Tutti noi abbiamo pesanti strascichi di dolore e di morte, di sofferenza e privazione, di ingiustizia  e follia da cui dobbiamo imparare a liberarci per restituire a ognuno il suo posto e la sua identità nella nostra famiglia. La liberazione del Karma richiede la consapevolezza di ogni nostra azione, dei nostri pensieri, emozioni e sensazioni quo…

    11 - Othila dal 29 maggio al 13 giugno

    11 - Othila dal 29 maggio al 13 giugno

    Othila

    dal 29 maggio al 13 giugno

    Con Othila entriamo in contatto con il nostro Karma, anzi Othila ci permette di liberarci del vecchio Karma. Entriamo in contatto con le nostre radici con la nostra eredità, quell’eredità di informazioni che passa da generazione a generazione. Ci colleghiamo con tutto quello che hanno vissuto i nostri antenati e non, tutto ciò che ci attraversa nella nostra vita. Tutti noi abbiamo pesanti strascichi di dolore e di morte, di sofferenza e privazione, di ingiustizia  e follia da cui dobbiamo imparare a liberarci per restituire a ognuno il suo posto e la sua identità nella nostra famiglia. La liberazione del Karma richiede la consapevolezza di ogni nostra azione, dei nostri pensieri, emozioni e sensazioni quotidiane. Scegliendo questo percorso iniziamo a riconoscere dove siamo stati e da dove veniamo. Inoltre ci invitiamo a riconoscere e onorare tutto ciò che abbiamo ricevuto nel passato e farne tesoro. Con Othila, ci prendiamo la responsabilità di aver scelto questa vita e questi genitori, questo tempo e spazio, questa nazione e questa umanità. Abbiamo ancora molto da imparare, molto da dare e molto da ricevere, e solo aver completato tutte le nostre incarnazioni saremo liberi, liberi dai pesi del nostro Karma.

    Oracolo

    Riposino in pace le spoglie degli Avi,
    E con loro il ricordo di ciò che è perduto.
    Con la memoria di epiche imprese
    Non si erigono sontuosi palazzi
    Meglio un riparo di frasche, un’umida grotta,
    Che mille città popolate di spettri.

    Parole chiave

    Razzismo, ingordigia, idee superate, vecchie abitudine.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Dagaz

    dal 14 giugno al 28 giugno

    Dagaz è il figlio della notte, il giorno ci porta il chiaro e la luminosità. Dagaz simbolizza “l’ oggi che è il primo giorno del resto della nostra vita”. Dagaz non è un lampo che squarcia la notte, non è un raggio di sole che ci colpisce per un attimo. Dagaz è il sole che splende dall’alba al tramonto, il tempo della luce e del calore. Dagaz ci indica la fine di un ciclo e l’inizio di un nuovo periodo. Una trasformazione profonda e di un rinnovamento su tutti i livelli dell’essere. In questa fase possiamo riconoscere la nostra coscienza, la verità che ha la sua sede profondamente dentro in noi. Questa runa ci invita ad una vita semplice e in accordo con le leggi della natura. Il percorso della illuminazio…

    12 - Dagaz dal 14 giugno al 28 giugno

    12 - Dagaz dal 14 giugno al 28 giugno

    Dagaz

    dal 14 giugno al 28 giugno

    Dagaz è il figlio della notte, il giorno ci porta il chiaro e la luminosità. Dagaz simbolizza “l’ oggi che è il primo giorno del resto della nostra vita”. Dagaz non è un lampo che squarcia la notte, non è un raggio di sole che ci colpisce per un attimo. Dagaz è il sole che splende dall’alba al tramonto, il tempo della luce e del calore. Dagaz ci indica la fine di un ciclo e l’inizio di un nuovo periodo. Una trasformazione profonda e di un rinnovamento su tutti i livelli dell’essere. In questa fase possiamo riconoscere la nostra coscienza, la verità che ha la sua sede profondamente dentro in noi. Questa runa ci invita ad una vita semplice e in accordo con le leggi della natura. Il percorso della illuminazione ci permette a collegarci con il nostro potenziale innato, ci invita ad esprimerci liberamente e per questo non ci servono ne regole e ne dogmi.

    Oracolo

    Oggi il gran giorno, mio giovane amico.
    Ascolta il suono di trombe e di corni,
    Ammira stendardi, arazzi e bandiere.
    In ginocchio, la spada del re ti tocca la spalla,
    La lama scintilla e sei già Cavaliere.
    Ma ricorda che un giorno eri soltanto scudiero,
    pulivi le spade, gli scudi, ingrassavi stivali,
    E nelle fredde notti paglia e sterco avevi per letto
    Ma questa è la vera virtù, che viene da Dio.
    Così egli compensa in un solo giorno radioso,
    L’umiltà di diecimila.

    Parole chiave

    Luce del giorno, illuminazione, trasformazione, chiarezza, inizio di un nuovo ciclo, salute, equilibrio.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • FEHU

    dal 29 giugno al 13 luglio

    Fehu è il giardino Eden il paradiso terrestre e il ricordo all’Età dell’Oro. Ci fa ricordare la magia la vera magia della natura, come dal nulla una cellula comincia a crescere e giorno dopo giorno si fa spazio, conquista il suo diritto ad essere. Con questa runa noi possiamo entrare in contatto con le leggi della natura, la biologia, la chimica, e la fisica come gli scienziati, i maghi e gli alchimisti che cercano e cercavano di conoscere il segreto della vita. Questo rappresenta FEHU che conosce i cinque elementi con i loro dei e dee, la forza di questi spiriti (terra, acqua, fuoco, vento e aria). Allora siamo in contatto con tutti gli aspetti positivi e fecondi della natura, è l’aspetto luminoso della GR…

    13 - Fehu dal 29 giugno al 13 luglio

    13 - Fehu dal 29 giugno al 13 luglio

    FEHU

    dal 29 giugno al 13 luglio

    Fehu è il giardino Eden il paradiso terrestre e il ricordo all’Età dell’Oro. Ci fa ricordare la magia la vera magia della natura, come dal nulla una cellula comincia a crescere e giorno dopo giorno si fa spazio, conquista il suo diritto ad essere. Con questa runa noi possiamo entrare in contatto con le leggi della natura, la biologia, la chimica, e la fisica come gli scienziati, i maghi e gli alchimisti che cercano e cercavano di conoscere il segreto della vita. Questo rappresenta FEHU che conosce i cinque elementi con i loro dei e dee, la forza di questi spiriti (terra, acqua, fuoco, vento e aria). Allora siamo in contatto con tutti gli aspetti positivi e fecondi della natura, è l’aspetto luminoso della GRANDE MADRE. La generosità si esprime attraverso il flusso dell’energia della vita. Perciò non significa ricchezza materiale pero disponibilità di risorse ed energia, il mezzo per poter realizzare ed esprimere la profonda ricchezza interiore in noi.

    Oracolo

    Guarda diritto davanti a te, audace nocchiero.
    Calmo e vasto è il mare, i venti propizi
    La meta è nel cuore,
    la rotta è tracciata dal destino
    La nave avanza sulla cresta delle onde
    Successo ti attende al fine dell’impresa.
    Già la terra compare all’orizzonte
    Volgi il cuore pieno di gratitudine
    al porto sicuro da cui un giorno salpasti
    offri in sacrificio alla casa paterna
    le tue imprese migliori.

    Parole chiave

    Fortuna, guadagno, sicurezza finanziaria, successo, fertilità, pace, nutrimento, cibo, condivisione.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • THURISAZ

    dal 29 luglio al 12 agosto

    Thurisaz ci mette in contatto con il nostro maestro: l’avversario che ci insegna dove sono le nostre debolezze e dov’è dobbiamo ancora rinforzare le nostre difese. Ad un certo punto della nostra vita però ci rendiamo conto il vero nemico siamo noi, è la nostra incapacità di amarci, di accettarci per quello che siamo, di prenderci con dolcezza e di ascoltare i nostri bisogni di dirci la verità. Thurisaz sa combattere e per questo rappresenta la vittoria sul male, sul caos e sul disordine. Siamo pronti per affrontare le sfide della vita anche se il cammino si presenta arduo, ogni ostacolo verrà rimosso e ogni dubbio superato. Non c’è nulla da temere.

    Oracolo

    La spada lucente nel pugno,
    Procedi guidato da…

    14 - Thurisaz dal 29 luglio al 12 agosto

    14 - Thurisaz dal 29 luglio al 12 agosto

    THURISAZ

    dal 29 luglio al 12 agosto

    Thurisaz ci mette in contatto con il nostro maestro: l’avversario che ci insegna dove sono le nostre debolezze e dov’è dobbiamo ancora rinforzare le nostre difese. Ad un certo punto della nostra vita però ci rendiamo conto il vero nemico siamo noi, è la nostra incapacità di amarci, di accettarci per quello che siamo, di prenderci con dolcezza e di ascoltare i nostri bisogni di dirci la verità. Thurisaz sa combattere e per questo rappresenta la vittoria sul male, sul caos e sul disordine. Siamo pronti per affrontare le sfide della vita anche se il cammino si presenta arduo, ogni ostacolo verrà rimosso e ogni dubbio superato. Non c’è nulla da temere.

    Oracolo

    La spada lucente nel pugno,
    Procedi guidato dalle stelle e dal fato
    Puro è il cuore e indomito
    Limpida la mente
    Forte il tuo braccio
    Ora è il tempo di conquistare il Mondo.

    Parole chiave

    Protezione e difesa, fertilità e rigenerazione, sopravvivenza alle difficoltà,bisogno di azione correttiva o giusta decisione, resistenza.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Ansuz

    Dal 13 al 29 agosto

    Con Ansuz diventiamo profondamente consapevoli del nostro vuoto e siamo quindi disposti a ricevere aiuto e lasciarci guidare. Ansuz è la comparsa nella nostra vita, nello smarrimento e nel dolore, di una Guida capace di comprenderci e condurci sani e salvi fuori dai sanguinosi combattimenti e dalle guerre che stiamo combattendo, sempre e comunque, contro noi stessi e contro il mondo. Stanchi di combattere contro tutto e tutti, ma in particolare contro noi stessi, abbiamo finalmente bisogno di sentire sulla spalla il tocco di una mano amica, il tono rassicurante di una voce che ci dice “è finita, ora puoi riposare”. Ansuz è una soccorrevole presenza che ci cura le ferite, ci rinfranca l’animo, ci offre un attimo d…

    15 - Ansuz dal 13 al 29 Agosto

    15 - Ansuz dal 13 al 29 Agosto

    Ansuz

    Dal 13 al 29 agosto

    Con Ansuz diventiamo profondamente consapevoli del nostro vuoto e siamo quindi disposti a ricevere aiuto e lasciarci guidare. Ansuz è la comparsa nella nostra vita, nello smarrimento e nel dolore, di una Guida capace di comprenderci e condurci sani e salvi fuori dai sanguinosi combattimenti e dalle guerre che stiamo combattendo, sempre e comunque, contro noi stessi e contro il mondo. Stanchi di combattere contro tutto e tutti, ma in particolare contro noi stessi, abbiamo finalmente bisogno di sentire sulla spalla il tocco di una mano amica, il tono rassicurante di una voce che ci dice “è finita, ora puoi riposare”. Ansuz è una soccorrevole presenza che ci cura le ferite, ci rinfranca l’animo, ci offre un attimo di pace nella fragorosa lotta per l’esistenza. Ansuz è una runa che significa letteralmente “Il Dio” (Aas) e tradizionalmente è legata a Odino, il signore degli dei nordici. Odino rappresenta la forza diplomatica, la capacità di conciliare le parti senza dover ricorrere alla forza e alla violenza. Odino rappresenta l’archetipo del Vecchio Saggio che ci guida e ci consiglia.

    Oracolo

    Ecco giungono il Saggio e il Mago
    Cessate ogni lamento e vaniloquio
    Ascoltate e prostratevi alla potenza della parola
    Non siate stolti e superbi
    Guardate intorno a voi i segni dell’eterno
    E troverete Guida sicura.

    Parole chiave

    Notizie, studio, comunicazione, saggezza, parlare, ispirazione, pensiero, sciamanismo, capacità di scrittura, linguaggio, insegnamento, verità.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • RAIDO

    dal 29 agosto al 12 settembre

    Questa runa rappresenta il cavallo e il cavalcare del guerriero. Ci ricorda quanto è facile cavalcare al sicuro nel recinto di casa propria. Però ci vuole grande coraggio per andare sulla strada maestra, cioè di andare verso l’incontro del proprio destino. Dobbiamo ogni giorno essere disposti ad morire e a rinascere con una nuova consapevolezza. Così Raido rappresenta una iniziazione ossia quella specifica ritualizzazione che consente di acquistare la consapevolezza del passaggio da uno stato evolutivo al altro. Dal infanzia al adolescenza, dalla giovinezza alla maturità. Raido ci sostiene nell’intraprendere nuove avventure, tendere verso nuove mete, superare e affrontare le difficoltà. La direzione è q…

    16 - Raido dal 29 agosto al 12 settembre

    16 - Raido dal 29 agosto al 12 settembre

    RAIDO

    dal 29 agosto al 12 settembre

    Questa runa rappresenta il cavallo e il cavalcare del guerriero. Ci ricorda quanto è facile cavalcare al sicuro nel recinto di casa propria. Però ci vuole grande coraggio per andare sulla strada maestra, cioè di andare verso l’incontro del proprio destino. Dobbiamo ogni giorno essere disposti ad morire e a rinascere con una nuova consapevolezza. Così Raido rappresenta una iniziazione ossia quella specifica ritualizzazione che consente di acquistare la consapevolezza del passaggio da uno stato evolutivo al altro. Dal infanzia al adolescenza, dalla giovinezza alla maturità. Raido ci sostiene nell’intraprendere nuove avventure, tendere verso nuove mete, superare e affrontare le difficoltà. La direzione è quella giusta, la strada è sicura, stiamo percorrendo la via che passo dopo passo ci avvicina alle metà, alla nostra vita, al nostro destino.

    Oracolo

    La strada corre sicura
    Solido è il carro e calmo l'auriga
    L'asse stride, le ruote girano, il viaggio procede
    Il cammino è segnato, è giusto,
    Tra oscure foreste o molli pianure
    La via ti attende diritta.

    Parole chiave

    viaggio, esplorazione, vacanza, nuovo inizio, movimento, prendere il controllo, direzione, comando, riti, cerimonie, processi,

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • KENAZ

    dal 13 al 27 settembre

    Kenaz è il fuoco, la luce, il calore, la trasformazione e l’evoluzione, è la torcia, la fiaccola che risplende nel buio della notte e illumina e scalda. L’estrazione di Kenaz rappresenta innanzitutto un periodo luminoso di grande comprensione, l’oscurità è vinta, le tenebre vengono rischiarate e ogni lato oscuro può adesso essere individuato e risolto. Kenaz indica anche purificazione e trasformazione di ciò che è vecchio e inutile in nuova energia: vecchie relazioni, vecchie situazioni stagnanti, che venivano trascinate per abitudine, ora sono consumate dalle fiamme. Qualcosa va lasciato andare perché non ha più ragione di essere, qualcosa deve morire perché una nuova parte di noi possa rinascere, l’estrazion…

    17 - Kenaz dal 13 settembre al 27 settembre

    17 - Kenaz dal 13 settembre al 27 settembre

    KENAZ

    dal 13 al 27 settembre

    Kenaz è il fuoco, la luce, il calore, la trasformazione e l’evoluzione, è la torcia, la fiaccola che risplende nel buio della notte e illumina e scalda. L’estrazione di Kenaz rappresenta innanzitutto un periodo luminoso di grande comprensione, l’oscurità è vinta, le tenebre vengono rischiarate e ogni lato oscuro può adesso essere individuato e risolto. Kenaz indica anche purificazione e trasformazione di ciò che è vecchio e inutile in nuova energia: vecchie relazioni, vecchie situazioni stagnanti, che venivano trascinate per abitudine, ora sono consumate dalle fiamme. Qualcosa va lasciato andare perché non ha più ragione di essere, qualcosa deve morire perché una nuova parte di noi possa rinascere, l’estrazione di questa Runa ci mette profondamente in contatto con quegli aspetti di noi stessi e della nostra vita che devono essere definitivamente abbandonati. È la Runa dell’autenticità che ci permette di vedere quello che siamo e quello che non siamo, che con il fuoco della fiaccola brucia e trasforma. Kenaz è illuminazione , risveglio, fuoco interiore, intensità, passione, nuove motivazioni, rinnovato entusiasmo per la vita, è la luce che trionfa sulle tenebre,  il bene che sconfigge il male, è la conoscenza che subentra all’ignoranza, trasformazione, metamorfosi, cambiamento, scoperta di nuove parti di noi stessi, della vita e degli altri.

    Oracolo

    A lungo hai vegliato al capezzale
    Del tuo spirito esangue
    Ora acqua di
    fonte lava i tuoi occhi
    E l'aria fresca del mattino
    Ti riporta all'opera amata
    Di tua vita.

    Parole chiave

    luce, interiore, guarigione, miglioramento, comprensione, illuminazione, apprendimento, chiarezza, conoscenza, rivelazione

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • GEBO

    dal 28 settembre al 12 ottobre

    Ecco Gebo la Runa del dono, della comunicazione, della relazione e dello scambio equilibrato. È interscambio di informazioni, di concetti, di sentimenti, di idee. È inspirazione e espirazione, dare e ricevere, incontrarsi e separarsi, è il magico gioco dell’intrecciarsi dei destini umani, non più me, non più te, solo noi. Gebo è dono non solo in senso materiale, dono è uno sguardo, un sorriso, una carezza, un abbraccio, una parola, un pensiero. Per mantenere una vitale una relazione occorre sempre equilibrio nello scambio, altrimenti chi riceve di più prima o poi si sentirà a disagio, come si sentirà a disagio chi da di più. Tutti questi concetti sono validi anche in relazione con tutto quello che ci ci…

    18 - Gebo dal 28 settembre al 12 ottobre

    18 - Gebo dal 28 settembre al 12 ottobre

    GEBO

    dal 28 settembre al 12 ottobre

    Ecco Gebo la Runa del dono, della comunicazione, della relazione e dello scambio equilibrato. È interscambio di informazioni, di concetti, di sentimenti, di idee. È inspirazione e espirazione, dare e ricevere, incontrarsi e separarsi, è il magico gioco dell’intrecciarsi dei destini umani, non più me, non più te, solo noi. Gebo è dono non solo in senso materiale, dono è uno sguardo, un sorriso, una carezza, un abbraccio, una parola, un pensiero. Per mantenere una vitale una relazione occorre sempre equilibrio nello scambio, altrimenti chi riceve di più prima o poi si sentirà a disagio, come si sentirà a disagio chi da di più. Tutti questi concetti sono validi anche in relazione con tutto quello che ci circonda, la natura che stiamo a poco a poco distruggendo, perché prendiamo dalla terra più di quanto lei sia in grado di dare, scaviamo nelle sue viscere alla ricerca di metalli, di fossili, di pietre preziose, distruggiamo foreste e eliminiamo intere specie di esseri viventi e anche di tribù, infine alteriamo ogni equilibrio. Per questo è importante che in questo periodo ci ricolleghiamo alla natura e ripensiamo a utilizzare le risorse della natura con saggezza e moderazione, se non portiamo amore, cura, rispetto nella nostra vita, se inseguiamo la logica del profitto e alimentiamo la bramosia dl denaro e del potere, non riusciremo a porre fine alla guerra e allo squilibrio del pianeta.

    Oracolo

    Giunse al fin dopo tanto errare
    Il dono di tua vita,
    Come misero viandante
    Che alla tavola del re
    Sia convitato.
    Accogli con letizia
    Ciò che in Cielo
    Viene ordinato.
    Ciò che bussa alla tua porta,
    Anche se indossa lacere vesti
    È sempre un Messaggero
    Di Volotà Celesti.

    Parola chiave

    Amore, amicizia, associazione, condivisione, doni, equilibrio, scambio, unione, gratitudine.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • WUNJO

    dal 13 ottobre al 28 ottobre

    Wunjo è il nostro bambino interiore, il risultato dell’unione e della riunione dentro di noi delle nostre parti separate, è il contatto con il nostro io. L’Innocente, nel suo significato archetipico, rappresenta lo spirito, l’essenza, l’energia, o meglio, l’amore che prende forma nell’incontro tra l’elemento Maschile e l’elemento Femminile, attraverso la vita. Nasciamo in una condizione di pura innocenza (Fehu) poi dobbiamo affrontare la vita, incontriamo il male (Uruz) e i nemici (Thurisaz), perdiamo la speranza, cadiamo, diventiamo orfani. Wunjo è il recupero dell’innocenza e della gioia di vivere, che solo attraveso Raido (il viaggio) e Kenaz (la purificazione) è possibile, è la guarigione delle ferit…

    19 - Wunjo dal 13 ottobre al 28 ottobre

    19 - Wunjo dal 13 ottobre al 28 ottobre

    WUNJO

    dal 13 ottobre al 28 ottobre

    Wunjo è il nostro bambino interiore, il risultato dell’unione e della riunione dentro di noi delle nostre parti separate, è il contatto con il nostro io. L’Innocente, nel suo significato archetipico, rappresenta lo spirito, l’essenza, l’energia, o meglio, l’amore che prende forma nell’incontro tra l’elemento Maschile e l’elemento Femminile, attraverso la vita. Nasciamo in una condizione di pura innocenza (Fehu) poi dobbiamo affrontare la vita, incontriamo il male (Uruz) e i nemici (Thurisaz), perdiamo la speranza, cadiamo, diventiamo orfani. Wunjo è il recupero dell’innocenza e della gioia di vivere, che solo attraveso Raido (il viaggio) e Kenaz (la purificazione) è possibile, è la guarigione delle ferite del passato, la liberazione da tutto ciò che di doloroso abbiamo dovuto attraversare nella nostra vita. Dall’unione di maschile e femminile (Gebo) nasce il bambino divino (Wunjo), l’archetipo dell’Innocente, il Puer Aeternus, il fanciullo di Pascoli, Gesù Bambino, Buddha bambino, Shiva bambino…

    Oracolo

    Il nemico é in fuga e sconfitto!
    Gioisci, canta al tepore del fuoco,
    Godi il premio dell'audacia.
    A lungo il vino ha riposato nella botte
    È tempo di riempire la coppa
    E vuotarla d'un fiato.

    Parole chiave

    realizzazione, appagamento, completamento, successo, glori, rispetto, solidarietà, speranza, desideri, cameratismo, associazione, armonia, diletto, benessere

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Hagalaz

    Dal 28 ottobre al 13 novembre

    Hagalz implica la purificazione del passato e l’accettazione del pagamento dei conti sospesi. A volte si presenta come tempesta, come furia dei elementi e porta al cambiamento e al rinnovamento dopo aver fatto tabula rasa. Hagalaz rompe i schemi prestabiliti e ci ricollega al proprio destino. Il periodo di Hagalaz  favorisce il contatto con la nostra vera natura con l’essenza la più intima.

    Un buon momento per riflettere su vecchie strutture che portiamo in noi, siamo persone libere, libere nella nostra anima, nella nostra psiche e nel nostro io e siamo determinati da noi o siamo obbligati, legati a strutture, schemi da fuori da altri? Abbiamo strutture autentici e solidi o sono inadatte non più effi…

    20 - Hagalaz dal 28 ottobre al 13 novembre

    20 - Hagalaz dal 28 ottobre al 13 novembre

    Hagalaz

    Dal 28 ottobre al 13 novembre

    Hagalz implica la purificazione del passato e l’accettazione del pagamento dei conti sospesi. A volte si presenta come tempesta, come furia dei elementi e porta al cambiamento e al rinnovamento dopo aver fatto tabula rasa. Hagalaz rompe i schemi prestabiliti e ci ricollega al proprio destino. Il periodo di Hagalaz  favorisce il contatto con la nostra vera natura con l’essenza la più intima.

    Un buon momento per riflettere su vecchie strutture che portiamo in noi, siamo persone libere, libere nella nostra anima, nella nostra psiche e nel nostro io e siamo determinati da noi o siamo obbligati, legati a strutture, schemi da fuori da altri? Abbiamo strutture autentici e solidi o sono inadatte non più efficaci alla nostra situazione personale?

    È il momento del risveglio, del cambiamento e della perdita del controllo, questo ci permette ad essere autentici, liberi e ci acconsentici la crescità.

    Si consiglia in questi momenti di tempesta di lascarsi guidare e di essere in sintonia con la propria intima natura.

    Oracolo

    Già arrivato è il gelide Inverno,
    Si incurvano i rami sotto il candido peso,
    L’albero secco si schianta,
    E con rombo di tuono precipita a terra.
    Cammina, cammina, non ti fermare
    È tempo di andare, non cedere al ghiaccio.
    E svegliati presto,
    Prendi la legna,
    Soffia sulle braci,
    Rinnova la magia del fuoco.

    Parole chiave

    Puizia, epurazione, spazio per la crescita, accettazione, coraggio, eventi passati, lasciar andare, inconsco, sperimentazione, esami, analisi, prove.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Nauthiz

    dal 13 al 27 Novembre

    Nauthiz ci ricorda una croce e ci ricorda soprattutto che se non c’è sacrificio non può esserci salvezza. Ci sono molti modi per sfuggire al dolore, nella psicologia si chiamano meccanismi di difesa, la negazione è uno di questi, poi c’è la rimozione, l’evitamento, lo spostamento, insomma tanti nomi per esprimere uno stesso concetto: Fuga.

    Nauthiz è afflizione e pena se fuggo dal dolore della morte, se vivo il lutto, se vivo fino in fondo la sofferenza della perdita, la pena poco alla volta svanirà e progressivamente mi sentirò rinascere a nuova vita: il dolore e la gioia sono indissolubilmente legati, come la vita e la morte.

    Se non mi permetto la paura e il dolore della morte, della fine, non potrò gioire…

    21 - Nauthiz dal 13 novembre al 27 novembre

    21 - Nauthiz dal 13 novembre al 27 novembre

    Nauthiz

    dal 13 al 27 Novembre

    Nauthiz ci ricorda una croce e ci ricorda soprattutto che se non c’è sacrificio non può esserci salvezza. Ci sono molti modi per sfuggire al dolore, nella psicologia si chiamano meccanismi di difesa, la negazione è uno di questi, poi c’è la rimozione, l’evitamento, lo spostamento, insomma tanti nomi per esprimere uno stesso concetto: Fuga.

    Nauthiz è afflizione e pena se fuggo dal dolore della morte, se vivo il lutto, se vivo fino in fondo la sofferenza della perdita, la pena poco alla volta svanirà e progressivamente mi sentirò rinascere a nuova vita: il dolore e la gioia sono indissolubilmente legati, come la vita e la morte.

    Se non mi permetto la paura e il dolore della morte, della fine, non potrò gioire pienamente della vita: Nauthiz ci dice che il dolore è semplicemente il prezzo che dobbiamo essere disposti a pagare per entrare in quel grande parco giochi che è il mondo, dove ci sono giochi divertenti e giochi spaventosi, dove c’è spazio per ogni mondo possibile in cui io voglio vivere.

    Oracolo

    Il ghiaccio scricchiola
    Sotto i passi leggeri della volpe.
    Fermati, non muoverti, resta immobile.
    Ascolta. Vigila.
    Non è tempo di andare oltre.
    È tempo di aspettare.

    Parola chiave

    Forza interiore, risorse, eroismo, urgenza, sviluppo, cambiamento. determinazione, resistenza.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • Isa

    dal 28 novembre al 13 dicembre

    Nella sua espressione più luminosa Isa é il collegamento tra lo spirito e la materia, é la capacità di controllare le passioni, gli impulsi, di essere ben connessi e collegati con il volere cosmico. Isa é la Runa della meditazione per eccellenza, é la posizione Yogica dell’albero , é la fermezza e la stabilità, quando ogni passione é spenta e si é perfettamente centrati su di se e sul respiro, quando si riesce a vedere oltre. L’estrazione di Isa può rivelare un momento di chiusura e di allontanamento dagli altri, di stasi « forzata » nelle situazioni, c’é qualcosa che deve essere rettificato o migliorato. È una fase di esplorazione profonda del senso di ciò che si sta facendo, al di là delle emozioni sup…

    22 - Isa dal 28 novembre al 13 dicembre

    22 - Isa dal 28 novembre al 13 dicembre

    Isa

    dal 28 novembre al 13 dicembre

    Nella sua espressione più luminosa Isa é il collegamento tra lo spirito e la materia, é la capacità di controllare le passioni, gli impulsi, di essere ben connessi e collegati con il volere cosmico. Isa é la Runa della meditazione per eccellenza, é la posizione Yogica dell’albero , é la fermezza e la stabilità, quando ogni passione é spenta e si é perfettamente centrati su di se e sul respiro, quando si riesce a vedere oltre. L’estrazione di Isa può rivelare un momento di chiusura e di allontanamento dagli altri, di stasi « forzata » nelle situazioni, c’é qualcosa che deve essere rettificato o migliorato. È una fase di esplorazione profonda del senso di ciò che si sta facendo, al di là delle emozioni superficiali e grossolane. Isa é un blocco momentaneo di una situazione che richiede una profonda riflessione, un periodo di transizione prima della rinascita, in cui occorre avere pazienza e perseveranza per potersi chiarire interiormente sugli obiettivi e sulle modalità per raggiungerli. Isa é il ghiaccio, l’inverno, l’apparente fine di tutto, il blocco, l’irrigidimento, ma in realtà sotto il ghiaccio dell’inverno la vita pulsa, i semi germogliano, la primavera si prepara, pronta a ricoprire la terra di nuova verdeggiante vegetazione, pronta a un nuovo ciclo.

    Oracolo

    La montagna di ghiaccio è crollata
    Sulla via per il mare
    Occore aggirare l'ostacolo
    Con nuovi e diversi cammini
    O pervire nella rigida ostinazione
    Di una via che non c'è più.
    Chissà che un'altra direzione
    Seppur più lunga e faticosa
    Non sia foriera
    Di vantaggi sconosciuti.

    Parola chiavee

    rallentamento, pausa di riflessione, conservazione, stabilità, focalizzazione, separazione, limitazioni, ritardo, raffredamento dei rapporti, bellezza ingannevole, slealtà, blocco freddezza.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini
  • JERA

    dal 13 dicembre al 27 dicembre

    Jera la rappresenta la legge cosmica, la legge del Wyrd sta a noi di piantare dei semi buoni per raccogliere frutti buoni.

    Bhagavad Gtta scrive: Per l’anima non vi è nascita né morte. La sua esistenza non ha avuto inizio nel passato, non ha inizio nel presente e non avrà inizio nel futuro. Essa è non nata, eterna, sempre esistente è primordiale. Non muore quando il corpo muore. Il viaggio del anima da un copro a un altro è guidato dalle nostre scelte, ciò che raccoglieremo sarà analogo a ciò che abbiamo seminato, quindi in definitiva Jera ci dice di fare attenzione a ciò che stiamo scegliendo di fare, perché ciò avrà delle conseguenze. Jera si presenta nel momento più buio del anno e ci preannuncia il …

    23 - Jera dal 13 dicembre al 27 dicembre

    23 - Jera dal 13 dicembre al 27 dicembre

    JERA

    dal 13 dicembre al 27 dicembre

    Jera la rappresenta la legge cosmica, la legge del Wyrd sta a noi di piantare dei semi buoni per raccogliere frutti buoni.

    Bhagavad Gtta scrive: Per l’anima non vi è nascita né morte. La sua esistenza non ha avuto inizio nel passato, non ha inizio nel presente e non avrà inizio nel futuro. Essa è non nata, eterna, sempre esistente è primordiale. Non muore quando il corpo muore. Il viaggio del anima da un copro a un altro è guidato dalle nostre scelte, ciò che raccoglieremo sarà analogo a ciò che abbiamo seminato, quindi in definitiva Jera ci dice di fare attenzione a ciò che stiamo scegliendo di fare, perché ciò avrà delle conseguenze. Jera si presenta nel momento più buio del anno e ci preannuncia il ritorno della luce dell’abbondanza, anche se non si può forzare una situazione per accelerare il compimento, bisogno aspettare che si evolve naturalmente. Per superare l’ansia e lo stress sviluppiamo la pazienza e in tempo meritato raccoglieremo i frutti dell’attesa il dono lungo sospirato.

    Oracolo

    Hai preparato il terreno, piantato il seme,
    Eccoti ora le messi verdeggianti.
    Dedizione e cura, fedeli compagne,
    Ti sono vicine e non ti deluderanno
    Ma non puoi
    comandare alle stagioni.
    Da sé giungerà il tempo della mietitura.
    Allora ti potrai concedere il meritato raccolto.
    Allora danzerai e canterai
    Alla festa d'estate.

    Parola chiave

    un anno , cicli, evoluzione, cambiamento in meglio, accrescimento, risultati sviluppo, progresso, pazienza.

    dal libro "runemal" di Umberto Carmignani e Giovanna Bellini

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23